VANS SCARPA SNEAKER DONNA NERO ART. SK8-HI MOC VN000315JTZ,

Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99

Erogance Vernice Zeppa Tacchi Alti Stivali sopra Al Ginocchio Tg. 37-44 Nuovo,

Sembra non riguardare la salute, invece la solitudine è un grave fattore di rischio, sia per gli anziani sia per i giovani. 

Può la solitudine essere una malattia che uccide? Sì, e non solo metaforicamente. 

Hugo BOSS 38,5 Scarpe Décolleté NUOVOPLEASER ADORE - 701 Tacco a Spillo Piattaforma Slide Donna Chiaro,Laura vita Décolleté da Donna/Sandali Rosso-STATION WAGON (Rosa) Benny 01 | ScarpePUMA Basket Heart oceanaire Sneaker Donna f02NOKIAN FOOTWEAR Stivali di gomma Squalo Rosso-Dark Rosso, dimensioni da 36 a 42CAFE' NOIR MGG902 SANDALO DONNA INCROCIATO IN PELLE E MICROSTRASS CUOIO,Scarpe donna REVE D'UN JOUR 36 EU stivaletti nero vernice BZ459-B,Scarpe GRAFIA Donna BORDEAUX CAT1000.BO.01,Scarpe NEROFUMO Donna BIANCO Pelle naturale YSA496-BNE5302 tronchetto donna ecopelle GAUDI' stivale scarpe ecopelle shoe boot woman,Scarpe Donna DC Heathrow - Special Edition Animal,Scarpe donna CALPIERRE 38,5 sandali blu pelle BZ808-CCafè Noir KNB956 SANDALO A "T" TACCO 80 MM IN TESSUTO GLITTERATO,DR. SCHOLL CIABATTE DONNA CON STRASS HILANI BIANCO,Scarpe donna CULT 36 EU scarpe da ginnastica fucsia camoscio borchie AH870-BNoa TP 403 stivaletto plateau in nappa nero con cerniera tacco 12 cm.,Xgravity 3 Colors Lady Casual Shoes Cow Genuine Leather Woman Flats 2018 Soft Ha,Scarpe Hi Top Donna DC Evan Smith Signature Series - Zero SE Nero-Nero-Nero,PUMA Vikky Cv Scarpe DONNA taglia UE 39 verde, Lily-verde, Lily,Scarpe donna JEANNOT 39 classiche nero pelle AJ96,Scarpe U.S. POLO Uomo MARRONE Pelle naturale WALDO4004W7-TANS,Scarpe ALESSIA GUIDI Donna NERO 669NE,K-Swiss Dalia Sde Plateau Sneaker Donna Scarpe Metallizzato Scarpe da GinnasticaCafè Noir MGD925 CIABATTA IN LISTINI MULTIMATERIALE,Scarpe MEZZETINTE Donna GRIGIO Pelle naturale 1700LAM-RA,Fidelio SOFT LINE da Donna Sandali Pantofole Vera Pelle Nuovo!Snipe FERMAGLI Scarpa Ripple 42781 azul CLARO,Scarpe REBECCA VAN DIK Donna BORDEAUX Pelle naturale D102BO,Adidas Adilette Cork W [ Eu 35 - 42] Pantofole Donna Nero BA7211,Scarpe PAPILLA Donna GIALLO Glitter,PU 65309KEN-BR,

La solitudine è una patologia a tutti gli effetti che non riguarda solo gli anziani ma che investe, con forme e ricadute diverse, anche i giovani e il loro universo di riferimento.

Da uno studio condotto dall’Associazione di psicologi americani emerge che la solitudine e l’isolamento uccidono più dell’obesità. Le persone sole hanno un rischio supplementare di decesso del 50% in più rispetto a chi ha buone relazioni sociali. Non solo, isolamento e solitudine fanno male soprattutto al cuore. Chi si isola o vive da solo ha più probabilità di soffrire di patologie cardiovascolari, infarto o ictus rispetto a chi ha legami stabili e duraturi. 


Ma come agisce?

L’isolamento sociale rende più vulnerabile il nostro corpo e lo conduce alla malattia. 

L’individuo senza relazioni sociali vivrebbe in una sorta di allerta permanente, uno stato fisiologico utile a preparare un’eventuale “fuga” in assenza di compagni che possano dare l’allarme, ma che diventa a lungo andare una condizione di stress per l’organismo. 

Cosa può fare la sanità?

Viviamo in un momento in cui la solitudine è più presente e gli operatori sanitari devono tenerne conto in termini operativi. 

I medici dovrebbero considerare il livello di connettività sociale dei propri pazienti durante le visite: fare domande sul tipo di supporto sociale che ricevono fornirebbe, infatti, importanti indicazioni sulla probabilità di avere cattive conseguenze sulla salute. Quindi informarsi sulla presenza di compagni, coniugi, familiari e amici, ma anche indagare sul “sentimento della solitudine”, perché possono esserci persone che vivono sole senza sentirsi tali, mentre altre che convivono si sentono isolate.

Queste buone pratiche dovrebbero riguardare tutto il personale medico-sanitario, non solo quello di base, e diventare necessarie per i soggetti più a rischio.

Condizione:
Nuovo con scatola: Oggetto nuovo, non usato e non indossato, nella confezione originale (scatola o borsa) e/o con ... Maggiori informazionisulla condizione
Marca: REBECCA VAN DIK
Colore principale: NERO/PIOMBO Numero: Varie
Suola: Gomma Materiale: Pelle naturale
Suoletta interna: Pelle Allacciatura: Lacci
Codice: P103

Anziani e adolescenti

Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99

Occorre lavorare sull’assistenza domiciliare degli anziani e sulla tutela giuridica e il riconoscimento dei Caregiver, ovvero dei familiari che aiutano quotidianamente un parente.

Dovrebbero essere intensificati i controlli sullo “livello di solitudine” degli anziani presso le case di cura, spesso luogo di forte isolamento nonostante la vita di collettività.

Ma per gli adolescenti? In una società in cui vivono la costante connessione con gli altri attraverso i social network, la solitudine è diventata un rischio importante per la loro salute.

I social infatti precludono la possibilità di sperimentare relazioni/contatti veri fuori dalla realtà virtuale e quindi aumentano i rischi di isolamento e distanza sociale.

Il problema della solitudine tra gli adolescenti è grave quanto quello tra gli anziani, ed è pari a quello dell’obesità infantile di cui magari si parla molto più spesso. Istituzioni e sistema sanitario dovrebbero impegnarsi in tal senso promuovendo attività e iniziative di informazione e prevenzione o prevendo figure di sostegno psicologico in ambito scolastico/educativo.

Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99Scarpe REBECCA VAN DIK Donna Donna Donna NERO/PIOMBO Pelle naturale P103 1d1b99

Una proposta per chi va in pensione

Dal momento che molti dei legami della nostra vita hanno a che fare con il mondo del lavoro, quando lo abbandoniamo siamo a maggior rischio di sentirci isolati.

E se per i bambini che a giugno finiscono la scuola c’è una vastissima offerta di centri estivi pensati per intrattenerli e farli stare in compagnia, in attesa delle vacanze con la famiglia, molto più scarsa è l’offerta per gli anziani giunti al termine della loro carriera lavorativa. 

Iniziative di questo tipo avrebbero come risultato non solo quello di creare o intensificare le possibilità di socializzazione ma anche un notevole risparmio in termini di spese sanitarie. 

Forse sarebbe il caso di cominciare a investire in questa direzione.

Web & Communication Design by The Sign Society